IPG@TE IPG@TE

  • Quanti indirizzi IPv4 è possibile richiedere?
  • Il cliente può richiedere un numero di indirizzi IP limitato a 4 gratuiti e appartenenti all’Autonomous System di TIM e congruenti con le attuali politiche di indirizzamento di TIM. Il cliente può richiedere ulteriori 8 indirizzi IP a pagamento Gli 8 indirizzi IP supplementari non sono consecutivi. In questo secondo caso la configurazione IP tra il Router del Cliente e il Router TIM avverrà mediante routing statico. Opzionalmente può essere richiesto dall’Operatore un numero di indirizzi IP maggiore: in tal caso l’assegnazione di indirizzi IP è subordinata a uno studio di fattibilità e all’eventuale presentazione di un progetto da cui risultino le necessità del cliente e comunque in accordo con quanto suggerito dal RIPE (Réseaux IP Européens); TIM si riserva la facoltà di assegnare indirizzi IP in misura ritenuta idonea alla tipologia di rete del Cliente.

  • E’ possibile attivare IPG@TE su collegamenti preesistenti?
  • No, è necessario un nuovo collegamento che termini su di un nodo del backbone IP di TIM.

  • E’ possibile richiedere la configurazione di indirizzi IPv6?
  • Sì, in modalità dual-stack, che implica la contemporanea configurazione di indirizzi IPv4 e IPv6.

  • E’ possibile proteggere l’accesso da attacchi hacker di tipo DDoS?
  • Sì, attraverso l’opzione CleanPipe. Essa può essere attivata sia in modalità reattiva (il cliente sotto attacco apre un trouble ticket), sia in modalità proattiva automatica (la protezione è attivata automaticamente al superamento del traffico in downstreaming di soglie prefissate.

Se non ha trovato l’informazione che cerca, puó formulare qui la sua domanda